0,00  0
Carrello

Nessun prodotto nel carrello.

0,00  0
Carrello

Nessun prodotto nel carrello.

Falerno del Massico DOC, Territorio, Vitigni, Storia e … passione

In questo articolo, ci addentreremo nel mondo affascinante del Falerno del Massico DOC, un vino campano che racchiude nel suo sorso la fertilità di un territorio, la qualità dei vitigni, reperti e testimonianze del passato, leggende, ma soprattutto la passione e l’amore con cui le donne e gli uomini del territorio trasformano le uve da cui nasce.

Falerno del Massico: il territorio

La zona di produzione del vino Falerno, detta “Ager Falernus” è identificata nell’area ai piedi del Monte Massico; ci troviamo nella parte settentrionale della provincia di Caserta, tra il fiume Volturno e il fiume Garigliano.

I terreni, di straordinaria fertilità grazie alla loro origine vulcanica, sono quelli degli attuali comuni di Mondragone, Falciano del Massico, Carinola, Sessa Aurunca e Cellole.

Monte Massico, zona produzione Falerno del Massico
Monte Massico
Falciabo del Massico, zona produzione Falerno del Massico
Falciano del Massico, zona produzione Falerno del Massico

Falerno del Massico: i vitigni

Per la produzione del, esistono precise indicazioni circa i vitigni da utilizzare.

Per la produzione del Falerno Bianco DOC è previsto l’utilizzo di uve falanghina in percentuale minima dell’85%, per il restante è ammesso l’uso di altri vitigni idonei alla coltivazione in Campania.

Per la produzione del Falerno Rosso DOC è previsto l’utilizzo di uve Aglianico (minimo 60%) e Piedirosso.

Per la produzione invece del Falerno Primitivo DOC è previsto l’utilizzo di uve Primitivo in percentuale minima 85% e per il restante è ammesso l’uso di Aglianico, Piedirosso e Barbera.

Storicamente il Primitivo era il vitigno più utilizzato.

Uva Aglianico usata per produrre il Falerno del Massico
Uva Aglianico usata per la produzione del Falerno rosso e primitivo
Uva Falanghina usata per produrre il Falerno del Massico
Uva Falanghina usata per la produzione del Falerno bianco

Storia e Mitologia

Il Falerno del Massico è un vino tra i più antichi oggi conosciuti, già nell’antica Roma pare fosse presente sulle tavole della ricca borghesia romana.

Secondo la leggenda descritta da Silio Italico all’interno dell’opera “Puniche”, le origini del Falerno sembra risalgano alla seconda Guerra Punica durante l’assedio della città di Capua da parte dei Cartaginesi.

In quelle fasi, alle pendici del monte Massico, all’interno del podere di proprietà del pastore Falernus, apparve sotto mentite spoglie il Dio Bacco.

Falernus, senza alcun problema gli offri rifugio e conforto; il Dio Bacco in segno di gratitudine, trasformo quel podere in un florido vigneto dal quale, trasformando le uve raccolte, il pastore Falernus potè ricavare vino.

Al di là del mito, il Falerno era il vino più pregiato del periodo e del territorio.

Guerra Punica, Falerno del Massico
Dipinto della guerra punica
Dio Bacco Falerno del Massico
Dio Bacco

Tenute Bianchino e il Falerno del Massico

Li dove la leggenda narra che si trovasse il podere del pastore Falernus, sulle pendici del Monte Massico nasce la storia di Tenute Bianchino.

Innovazione ed esperienza sono i termini che caratterizzano l’attività vitivinicola di questa realtà i cui terreni coltivati con vitigni autoctoni si trovano sulle terre del Falerno.

Tenute Bianchino è una realtà nata grazie al coraggio e alla intraprendenza della giovane Concetta Bianchino che, affiancata e sostenuta dal marito Armando La Resta, per amore del proprio territorio, ha deciso di estendere l’attività della propria azienda agricola impiantando vigneti autoctoni per la produzione di vino Falerno.

L’ azienda, oggi alla terza generazione, si estende su circa 10 ettari di terreno di cui circa 6 in produzione; i vigneti, nati da culture biologiche, sono costantemente seguiti e monitorati; la cura e l’attenzione non può condurre che a vini di pregio che esprimono i profumi e i sapori del Massico.

L’attività vitivinicola è incentrata sulla ricerca dell’eccellenza; a tale scopo ogni giorno un gruppo di esperti si dedica alla cura di ogni dettaglio della produzione: è così che ogni vino prodotto ha un’anima diversa, con sfumature, profumi e sapori sempre nuovi.

L’ azienda vuole essere un punto di riferimento della cultura e dell’eccellenza del vino campano; l’obiettivo è valorizzare le ricchezze di un territorio fertile ed intriso di storia quale il Massico.

La cura del dettaglio, segno distintivo dell’ azienda, è anche nella scelta dei nomi di ogni singolo prodotto.

Confezione Falerno del Massico Tenute Bianchino
Falerno del Massico Tenute Bianchino

In onore del Dio Bacco e della leggenda, Concetta ed Armando hanno deciso di chiamare il loro Falerno del Massico Rosso Doc “Bacco”.

A Bacco, per proseguire lungo il filo del racconto mitologico, si aggiungono poi i Falerno Teseo e Arianna.

Arianna, la fanciulla di cui Bacco si innamorò dopo averla soccorsa nell’isola di Nasso, luogo in cui fu abbandonata da Teseo dopo una promessa di matrimonio fatta in cambio di un aiuto per uccidere il minotauro.

Nelle etichette di ogni singolo Falerno forme geometriche si sovrappongono ai volti delle figure mitologiche in un gioco di elementi mitologicamente moderni; un gioco di elementi che pone in evidenza il carattere innovativo di un progetto di recupero come quello del Falerno

Gli elementi grafici di una etichetta o dell’altra, poste di fianco uno all’altra, senza soluzione di continuità, si ritrovano quasi a comporre un ideale mosaico.

Il progetto grafico di Tenute Bianchino, nel particolare Teseo, è stato premiato con il “Wine Label Awards”.

Un grandissimo traguardo e un enorme soddisfazione per Concetta ed Armando che, attraverso il contest hanno toccato con mano quanto i loro followers abbiano e continuano ad apprezzare i sacrifici e la passione di una attività di recupero fatta nel rispetto del territorio e le sue autenticità.

Tenute Bianchino, produttore del Falerno del Massico
Lo staff di Tenute Bianchino, produttori del Falerno del Massico
Lo staff di Tenute Bianchino

I vini di Tenute Bianchino

I vini Falerno del Massico Doc dell’ azienda sono oggi tre, due rossi e un bianco, nel particolare:

  • Falerno del Massico Primitivo DOC – vino rosso 100% uve primitivo (Il primitivo storicamente era il vitigno più utilizzato per la produzione del Falerno del Massico rosso);
  • Falerno del Massico Rosso Doc – un vino rosso 95% uve Aglianico, 5% uve Piedirosso
  • Falerno del Massico Bianco DOC – un bianco 100% uve Falanghina.

Oltre ai DOC è doveroso fare menzione anche ad un assortimento IGT che non ha nulla da invidiare alle altre denominazioni campane e nazionali.

“Bacco” Falerno Primitivo DOC 

Bacco è prodotto da uve primitivo in purezza raccolte nella terza decade di settembre.

A fine fermentazione alcolica, la maturazione in barrique.

Al termine della maturazione, è imbottigliato senza alcuna filtrazione.

Affinamento in bottiglia per almeno 10 mesi.

In degustazione si offre al naso con un profumo molto fruttato con sentori di prugna, ciliege, lampone e ribes nero; completano il quadro olfattivo sfumature di legno tostato.

Al palato è secco, caldo, morbido, di corpo, con una presenza di tannini morbidi ben fusi.

“Teseo” Falerno Rosso DOC 

Teseo è prodotto da uve 95% Aglianico e 5% Piedirosso raccolte nella terza decade di settembre.

Dopo la vinificazione la fermentazione alcolica.

Maturazione prima in acciaio per 6 mesi e poi, per altri 8 mesi, in barrique di rovere francese. Imbottigliamento senza filtrazione e affinamento di almeno 10 mesi in vetro.

Teseo è un rosso austero, che richiama l’animo “guerriero” del suo nome.

In degustazione si distingue per il profumo fruttato caratterizzato da sentori di marmellata di prugna, ciliegie, piccoli frutti rossi di bosco e note di legno tostato.

Il Gusto Secco, caldo, morbido.

“Arianna” Falerno Primitivo DOC 

Arianna è un vino prodotto da uve Falanghina in purezza.

Dopo la vinificazione, il vino fermenta a contatto con le fecce fine per circa 2 mesi ad una temperatura di circa 12°.

Trascorso il periodo di fermentazione alcolica, il vino, diventato ora limpido, viene imbottigliato per l’affinamento.

In degustazione si offre al naso con un profumo fruttato e floreale con sentori di pesca, ananas, albicocca, frutto della passione, mango, ginestra e magnolia.

Gusto secco, caldo, morbido, di corpo, con una adeguata freschezza.

I Premi

L’azienda nel corso della propria storia vitivinicola, si è fregiata di diversi riconoscimenti a carattere nazionale ed internazionale:

  • Anno 2020: Premio ASIA WINE TROPHY Medaglia d’Oro vinta da “Bacco” Falerno del Massico Rosso DOC
  • Anno 2020: Premio BERLINER WINE THOPHY Medaglia d’Oro vinta da “Bacco” Falerno del Massico Rosso DOC
  • Anno 2022: Premio WINE LABEL AWARDS Premio vinto da “Teseo” Falerno del Massico Rosso DOC
  • Anno 2022: Premio MONDIAL DES VINS EXTREMES Medaglia d’Oro ad “Arianna” Falerno del Massico Bianco DOC
  • Anno 2022: Premio DECANTER WORLD WINE AWARD Medaglia di bronzo a “Bacco”, “Teseo”, “Arianna”

Falerno del Massico Primitivo "Bacco"
Falerno del Massico “Bacco” premio Decanter 2022
Falerno del Massico rosso "Teseo"
Falerno del Massico “Teseo” premio Decanter 2022
Falerno del Massico bianco "Arianna"
Falerno del Massico “Arianna” premio Decanter 2022

Nel 2022 e nel 2023 i vini di Tenute Bianchino sono stati valutati ed inseriti nella Guida Oro di Luigi Veronelli con i seguenti punteggi:

Anno 2022:

  • Bacco – Falerno del Massico Primitivo DOC – 88 Punti
  • Teseo – Falerno del Massico Rosso DOC – 90 Punti
  • Arianna – Falerno del Massico Bianco DOC – 90 Punti

Anno 2023:

  • Bacco – 89 Punti
  • Teseo – 90 Punti
  • Arianna – 91 Punti

I vini Falerno del Massico di “Tenute Bianchino” sono presenti nell’ ANNUARIO DEI MIGLIORI VINI ITALIANI” di Luca Maroni con i seguenti punteggi:

  • Bacco – 93 Punti
  • Teseo – 90 Punti
  • Arianna – 90 Punti

Winehunter Award vincitore categoria “Rosso” Teseo – Falerno del Massico DOC

Winehunter Award vincitore categoria “Bianco” Arianna – Falerno del Massico DOC

Se vuoi scoprire di più su Tenute Bianchino, visita la pagina dedicata sul nostro sito a questo link, o se vuoi acquistare i loro vini e tanti altri prodotti puoi visitare il nostro shop.

Come sempre ti invitiamo ad iscriverti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato su promo e offerte e nuovi articoli del nostro blog.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    I Nostri Partner

    è un marchio di proprietà di:
    Liberatori SRLS
    Via Anime Sante SNC - 03011 Ceccano ( FR )
    P.Iva: 03100210602

    Informazioni

    Chi Siamo Contatti Convenzioni Il tuo account
    Privacy Policy
    Termini e Condizioni

    Servizio Clienti

    Il servizio Clienti è operativo con i seguenti orari:
    LUNEDI-VENERDI:
    9.00 – 13.00 | 14.30 – 18.30

    Telefono e Whatsapp:
    + 39 346 3715307

    EMAIL:
    servizioclienti@saporietradizioniditalia.it
    © Copyright 2024 Sapori e Tradizioni d' Italia. Tutti i diritti riservati
    Sito realizzado da G Tech SRLS

    Iscriviti alla nostra newsletter, per te uno sconto del 10%

    Il nostro negozio online è convenzionato con :

    ADR Club Roma
    Cral dipendenti Roma Capitale